Val D'Orcia: alla scoperta della Via Francigena

  • Posizione: Podere San Marcello 44 - Castiglione D'Orcia (SI)

  • Ideale per: famiglie, gruppi di amici, coppie

  • Prenotazione: obbligatoria

  • Prezzo: 90 € (due notti con colazione)

  • Contatti: 393 8837702

  • Sito: www.poderesanmarcello.it



PARTICOLARITÀ

Se siete alla ricerca di un weekend da trascorrere immersi nella natura, in cui il

benessere ed il buon cibo saranno i protagonisti, la Val D'Orcia è senza alcun

dubbio la vostra meta ideale.

I suoi paesaggi inimitabili e pittoreschi suscitano forti emozioni, e, proprio per la

sua innegabile bellezza, è stata proclamata nel 2004 Patrimonio dell'Umanità

UNESCO.


Lo scopo della nostra gita fuori porta è quello di percorrere un tratto della Via

Francigena, percorso che consentiva ai pellegrini di raggiungere Roma.

In particolare abbiamo deciso di visitare le località San Quirico, Bagno Vignoni e

Castiglione D'Orcia.

Oggi, questo celebre cammino è percorribile in bicicletta o a piedi.



IN CAMMINO SULLA VIA FRANCIGENA

In compagnia della milanese Isotta e delle due toscane DOC Elisa e Valeria,

prenotiamo in un agriturismo con piscina a Castiglione D'Orcia per trascorrere

due notti.

Prima di arrivare al nostro alloggio, ci fermiamo a cena al Vecchio Forno, una

trattoria toscana nel cuore dell'antico borgo medievale di San Quirico, citata nel

2020 nella Guida Michelin.

Entrando nel locale, ci sembra di avere accesso ad un giardino segreto: tavoli di

legno sono disposti sotto un pergolato adornato dal glicine e piante e fiori

arredano l’area.

Tradizione e qualità sono le fondamenta del loro menù, che comprende diversi

piatti rivisitati della tipica cucina casalinga toscana.

Oltre ad avere degustato alcuni salumi nostrani ed i classici crostini con varie

tipologie di condimenti, abbiamo ordinato il filetto in crosta di pistacchi, un vero

piacere per il palato.


Conclusa la cena, riprendiamo la strada verso l’alloggio prescelto ed il

navigatore ci conduce all'agriturismo San Marcello, una struttura in pietra

circondata da alti e maestosi cipressi.


Al risveglio ci sembra di vivere un sogno, l'agriturismo sorge sopra una collinetta

dal quale possiamo ammirare il paesaggio naturale ed unico al mondo tipico

della Toscana.


I proprietari sono gentili, accoglienti, disponibili e solari, difficile non

affezionarsi.

La colazione, preparata al momento, è servita sotto il porticato.


Più che una semplice colazione sembra un ricco brunch, con salumi freschi, tra

cui un buonissimo salame al tartufo, bruschette (mai provate a colazione! Ma le

abbiamo divorate), torta allo yogurt e frutta secca.


Dopo aver consumato questo abbondante pasto, saliamo la macchina e ci

dirigiamo a Bagno Vignoni, il punto di partenza del percorso da noi selezionato.


Ci fermiamo spesso ad ammirare i belvedere naturali lungo la strada ed

esploriamo i sentieri di campagna, che conducono a piccoli villaggi.


Dopo un paio d'ore di cammino, notiamo in lontananza una scala appoggiata ad

un albero, ci avviciniamo e scopriamo con stupore che la scala conduce ad una

graziosa casa sull'albero.

Chi non ha mai desiderato avere una casa sull'albero?

Ovviamente io e Isotta ci arrampichiamo subito e guardiamo dall'alto il

panorama che si perde a vista d'occhio.




Le colline verdi, i borghi medievali, le chiese sperdute, la natura

predominante, le distese di uliveti e gli scorci inaspettati ci accompagnano

per tutta la nostra camminata.

Ci fermiamo per una sosta a San Quirico e ci rifocilliamo con un bel piatto di pici

al ragù di cinghiale, presso la Trattoria Osenna.

Proseguendo lungo il cammino, raggiungiamo la cappella della Madonna di

Vitaleta, ubicata su una collina e ci concediamo qualche minuto di relax, prima

di percorrere la strada di ritorno verso Bagno Vignoni.

Al centro di questo piccolo borgo medievale sorge un'ampia vasca contenente

calda acqua termale, circondata da antichi palazzi in pietra.



Tornate al nostro alloggio affamate, prenotiamo subito un tavolo al Cerchio

delle Streghe a Castiglione D'Orcia, il ristorante perfetto per le sere d'estate.

I tavoli all'aperto, le lucine che decorano la staccionata ed il canto delle cicale in

sottofondo rendono magica la nostra cena.


Dopo una dormita rigenerante, arriva la giusta ricompensa per lo sforzo fisico

sostenuto lungo i 20 km di cammino: una giornata di puro relax nella piscina

panoramica dell'agriturismo San Marcello.


Tornando verso Milano, sentiamo già la mancanza di quell'angolo di paradiso

terrestre, che ci ha riempito gli occhi con i suoi paesaggi emozionati e

pittoreschi.


Per i meno sportivi, la Val D'Orcia, come gran parte della regione, può essere

vissuta anche come un'esperienza enogastronomica, alla scoperta di antichi

borghi dal fascino fiabesco e scenari naturali incomparabili.


126 visualizzazioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Non perderti le prossime avventure!

Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy.       

  • Instagram
  • Facebook

Copyright 2020 © insolitoweekend.com - All rights reserved.

Privacy Policy               Cookie policy